Mercoledì
12:04:08
Ottobre
12 2022

Il Consiglio approva il suo mandato per i negoziati sulla non accettazione dei documenti di viaggio russi rilasciati in Ucraina e Georgia

View 541

word 495 read time 2 minutes, 28 Seconds

Gli ambasciatori presso l'UE hanno concordato oggi un mandato per i negoziati con il Parlamento europeo su una decisione relativa alla non accettazione dei documenti di viaggio russi rilasciati in Ucraina e Georgia.

Tale decisione è una risposta all'aggressione militare non provocata e ingiustificata della Russia nei confronti dell'Ucraina e alla prassi russa di rilasciare passaporti internazionali russi ai residenti delle regioni occupate. Fa inoltre seguito alla decisione unilaterale della Russia di riconoscere l'indipendenza dei territori georgiani dell'Abkhazia e dell'Ossezia meridionale nel 2008.

I documenti di viaggio russi rilasciati nelle regioni dell'Ucraina occupate dalla Russia o nei territori separatisti della Georgia, o a persone ivi residenti, non saranno accettati come documenti di viaggio validi ai fini del rilascio di un visto o dell'attraversamento delle frontiere dello spazio Schengen.

Con la sua annessione illegale delle regioni ucraine, la Russia ha dimostrato ancora una volta la sua palese inosservanza dell'ordine internazionale basato su regole. Non riconosceremo mai la violazione dei diritti fondamentali dell'Ucraina e della Georgia all'indipendenza, alla sovranità e all'integrità territoriale. L'UE è unita ai due paesi e alla loro popolazione e si mantiene con determinazione al loro fianco.Vít Rakušan, ministro dell'Interno della Repubblica ceca

I documenti di viaggio russi rilasciati in queste regioni sono già considerati come non riconosciuti dagli Stati membri dell'UE o sono in procinto di esserlo. La suddetta decisione mira a definire un approccio comune, a garantire il corretto funzionamento della politica comune dei visti e della politica sui controlli alle frontiere esterne nonché a salvaguardare la sicurezza degli Stati membri dell'UE.

Prossime tappe

Sulla base di questo mandato, la presidenza è pronta ad avviare le discussioni con il Parlamento europeo.

Contesto

Sin dall'annessione illegale della penisola di Crimea nel marzo 2014, la Russia ha rilasciato passaporti internazionali russi ai residenti della Crimea. Tale prassi è stata estesa alle zone non controllate dal governo di Donetsk e Luhansk nell'aprile 2019, e in seguito alle regioni occupate di Kherson e Zaporizhzhia nel luglio 2022. Il rilascio sistematico di passaporti russi nelle suddette regioni occupate costituisce un'ulteriore violazione del diritto internazionale e dell'integrità territoriale, della sovranità e dell'indipendenza dell'Ucraina.

L'UE ha ripetutamente condannato con la massima fermezza le azioni militari della Russia in Ucraina e ha espresso totale solidarietà alla popolazione ucraina. Gli Stati membri dell'UE hanno respinto fermamente e condannato inequivocabilmente l'annessione illegale da parte della Russia delle regioni e dei territori dell'Ucraina, nonché il riconoscimento dell'indipendenza dei territori georgiani dell'Abkhazia e dell'Ossezia meridionale da parte della Russia.

Una serie di sanzioni individuali ed economiche è stata introdotta in risposta all'annessione della Crimea da parte della Russia e ai più recenti sviluppi nella guerra di aggressione della Russia nei confronti dell'Ucraina. L'UE ha inoltre totalmente sospeso l'accordo di facilitazione del rilascio dei visti tra UE e Russia.

Decisione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al non riconoscimento dei documenti di viaggio russi rilasciati in Ucraina e Georgia (mandato negoziale)



Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il Consi...e Georgia